S&S Club Italia
Il sito delle barche Sparkman & Stephens in Italia
  User Name:
 
  Password:
 
  Password dimenticata ?
 
   
 
   
 
   
  Registrazione
  Homepage Forum
  Lista Iscritti
  Regolamento del Forum
  S&S Club Italia
 
 
1 . 
  Generale - S&S e come non farsi ingannare dai "cialtroni"
 
 
 
06 February 2010 - 19:11
#1
 
  eros Registrato il: 15 Dicembre 2009
Posts: 26
 
  S&S e come non farsi ingannare dai "cialtroni"  
  Qualche anno fa mi capitò di leggere un'inserzione che riportava vendesi barca in legno progetto di S&S...

Dopo qualche tempo la casualità mi portò ad incontrare la barca e guardadola avevo delle perplessità, ma essendo solo un'estimatore e non un intenditore, non osai obiettare alcunchè con l'armatore.

All'epoca avevo una barca di legno e volendo conoscere alcuni particolari cercai il mastro d'ascia costruttore e propretario del cantiere ( oggi non più esistente) e parlando del più e del meno finnimmo per parlare anche di "quella barca di cui sopra".Non a caso ne feci menzione a lui, in quanto avevo notato lo stile del cantiere tipico di quel mastro d'ascia, il quale mi confermò che quella non era affatto uno S&S ma un suo proprio progetto che ripercorreva le orme di S&S.

La domanda che rivolgo agli esperti è come difendersi da questi inganni, dato che spesso è impossibile risalire al cantiere di costruzione in quanto ha cessato di esistere e il numero di progetto si è smarrito?
 
     
 
 
07 February 2010 - 22:39
#2
 
  matteosalamon Registrato il: 30 Novembre 2009
Posts: 87
 
 
Non bisogna dimenticare che S&S e' stato da sempre lo studio di progettazione piu' imitato, da cantieri piccoli e grandi (per fare un esempio Alpa ha "ingrandito" le linee dell'Alpa 9 e ha conseguentemente prodotto l'Alpa 11,50, bellissima barca, ma non un progetto S&S, a cui manca l'apporto ingegneristico e soprattutto le verifiche tipiche e caratteristiche di S&S). Un altro famosissimo cantiere ligure, tutt'ora attivo anche se solo per manutenzioni, ha diverse volte comprato dei progetti S&S e fatto la barca, e poi ha eseguito altri scafi non dichiarati al progettista (forse per non pagare i diritti, ma questo no possiamo saperlo) apportando delle modifiche. Gli armatori di queste barche pensano di possedere un S&S, Se chiedete allo studio S&S scoprirete che queste repliche non esistono nel loro archivio, non sono loro progetti.

Copiare, o addirittura pantografare una serie di linee e' facile, cio' che manca alle barche "simili ma non S&S" e' l'incredibile esperienza di Rod Stephens, che ha passato la sua vita a visitare i cantieri che costruivano le barche progettate dallo studio di cui lui stesso era socio fondatore con il fratello Olin.

Rod, mediamente una volta al mese, si recava appunto dove le "sue" barche erano in costruzione, e verificava decine e decine di piccoli e apparentemente insignificanti particolari, stilava degli elenchi (nei famosi notes di colore giallo) che consegnava al costruttore, per tornare a distanza di qualche settimana a vedere se i suoi dettami (attenzione, Dettami, non Consigli) fossero stati eseguiti.
Che io sappia nessun architetto navale ha mai seguito i propri progetti con tale meticolosa attenzione. Ho diverse volte parlato, anche di recente, con responsabili di cantieri, anche assai famosi, che lavorano con progettisti quotatissimi, e mi confermano di vedere l'architetto, o un suo emissario, mediamente una volta all'anno, e quando viene lavora per due/tre giorni negli uffici, non entra a bordo delle barche...

Qualche anno orsono sono stato al varo di una barca di 20 metri, disegnata da un bravissimo e noto architetto italiano e costruita da un maestro d'ascia di primo livello, forse il piu' bravo ancora in attivita' in Italia. Successivamente al varo sono state effettuate le prove in mare, l'architetto non era presente, aveva mandato un ragazzetto di studio, un laureando (non esprimo la mia opinione).

Le barche Sparkman & Stephens sono uniche e inimitabili, proprio per questa ragione tutti hanno tentato di copiarle. E' "facile" disegnare una barca che sia simile a quelle dello studio americano (che ovviamente aveva un proprio e riconoscibilissimo stile), impossibile e' eguagliarne l'intrinseca sostanza.

Una barca S&S e' documentata, esiste un disegno, catalogato con un numero che va da 1 a oltre 2.600 (...) e questo disegno e' tuttora reperibile presso gli archivi dello studio a New York. Se avete un dubbio scrivete a Josephine Ilagan e domandatele il disegno, ve lo mandera'. Se vi spacciano una barca per S&S e non conoscono il numero di progetto, e il cantiere che l'ha costruita, e' molto semplice: non e' una barca Sparkman & Stephens.

Da quasi quindici anni mi occupo per passione di S&S, non mi e' mai capitato di sapere di una barca che fosse "sfuggita" all'archivio. Non c'e' via di mezzo, e' S&S o non e' S&S!

Diffidate delle imitazioni e Buon S&S (originale, mi raccomando!) a tutti!

Matteo (Swan 38 Only You)
 
     
 
 
09 February 2010 - 20:39
#3
 
  eros Registrato il: 15 Dicembre 2009
Posts: 26
 
 
Grazie Matteo, mi inorgoglisco sempre di più di essere armatore di una barca S&S.
buon S&S
 
     
 
 
13 February 2010 - 22:17
#4
 
  zizanie Registrato il: 30 Novembre 2009
Posts: 26
 
 
Molto approfondita  e puntuale la risposta di Matteo alla interessante domanda di Danilo. Complimenti ragazzi bella conversazione ed anche ben scritta. Bruno (Zizanie)  
 
     
 
 
07 Luglio 2010 - 12:45
#5
 
  aliuni Registrato il: 07 Luglio 2010
Posts: 1
 
 
Original message:
Qualche anno fa mi capitò di leggere un'inserzione che riportava vendesi barca in legno progetto di S&S... Dopo qualche tempo la casualità mi portò ad incontrare la barca e guardadola avevo delle perplessità, ma essendo solo un'estimatore e non un intenditore, non osai obiettare alcunchè con l'armatore. All'epoca avevo una barca di legno e volendo conoscere alcuni particolari cercai il mastro d'ascia costruttore e propretario del cantiere ( oggi non più esistente) e parlando del più e del meno finnimmo per parlare anche di "quella barca di cui sopra".Non a caso ne feci menzione a lui, in quanto avevo notato lo stile del cantiere tipico di quel mastro d'ascia, il quale mi confermò che quella non era affatto uno S&S ma un suo proprio progetto che ripercorreva le orme di S&S. La domanda che rivolgo agli esperti è come difendersi da questi inganni, dato che spesso è impossibile risalire al cantiere di costruzione in quanto ha cessato di esistere e il numero di progetto si è smarrito?


 
 
Ciao Matteo,
con molto ritardo rispondo al tuo cortese invito a partecipare al forum.
Vorrei ,sperando non sia troppo tardi, dare il mio contributo a quanto scritto da Eros. Piccola presentazione per gli armatori: sono un architetto yacht designer che ha lavorato presso la S&S e che spero possa dare un contributo a questo forum. Posso dirti eros che tornando alla tua questione il problema dei diritti d'autore è molto sentito tra noi progettisti e chiaramente anche dalla S&S; ciò non toglie che spesso gli armatori più o meno consapevolmente amano fregiarsi di possedere un S&S anzi direi sempre più spesso consapevolmente :) giusto per raccontare una delle tante che mi sono capitate qualche anno fà sono stato contattato da un armatore di una barca realizzata in polonia su progetto S&S il quale desiderava che io gli facessi un expertise nel quale definire la barca come originale dello studio S&S;lui sapeva che non fosse vero però così poteva rivenderla ad un prezzo più alto....incredibile! io per quanto mi riguarda metto sempre in chiaro paternità e responsabilità nel progetto ma questo non basta, io e matteo ne sappiamo qualcosa.... comunque la questione del diritto d'autore per noi è molto complessa e difficile da tutelare specialmente in italia. quindi il consiglio di matteo è azzecatissimo; contattate josephine che saprà darvi tutte le delucidazioni sui progetti realizzati dallo studio. saluti alessio liuni
 
     
 
 
02 Giugno 2015 - 09:26
#6
 
  Peleg7 Registrato il: 02 Giugno 2015
Posts: 1
 
 
L'Alpa 9 e' un progetto di John Illingworth, forse voleva dire la 9.50, che in effetti è' stata disegnata dal cantiere Alpa
 
     
 
 
31 August 2017 - 12:41
#7
 
  pier Registrato il: 31 August 2017
Posts: 1
 
 
ciao eccomi per la prima volta nel forum
ho un gaia del cantiere Benello leggo che se scrivo a josephine mi potrebbe mandare il disegno della mia barca,nello specifico come dovrei fare? Io non ho niente da poter dare se non la data di costruzione
un caro saluto a tutti
pier
 
     
 
 
31 August 2017 - 13:13
#8
 
  matteosalamon Registrato il: 30 Novembre 2009
Posts: 87
 
 
Benvenuto Pier

e complimenti per il GB, barca dalle eccellenti doti boliniere!

Josephine non e' più' allo studio, devi scrivere a Brendan Abbott (babbott (at) sparkmanstephens.com, che ti fornirà' tutte le coordinate. E' possibile che la nuova gestione (lo studio e' stato acquisito lo scorso anno da una nuova proprietà') non abbia tutti i disegni in file, nel qual caso ti metterà' in contatto con il Mystic Seaport Museum, che ha il deposito di tutti gli originali e può' farti le copie.

Fammi sapere se poi tutto OK!

Buon S&S!

matteo (Swan 47 Vanessa)
 
     
 
 
 
1 . 
 
Argomenti : 75 Posts : 310 Iscritti: 138 Online: 0